Impariamo a guardare a ricercare,
a mettere in dubbio i luoghi comuni,
le abitudini radicate.
A chiederci cosa c'è dietro
a scegliere con consapevolezza.
Impariamo ad agire

LA RICERCA
RITROVARE LA TERRA PERDUTA

Quello che sto facendo in questo mio percorso
è abbandonarmi, con istinto selvaggio, da lupa
a ciò che sento, a ciò che intuisco, a ciò che cerco.
Necessariamente i modi e i tempi sono selvaggi
imprevedibili incredibili
ma se c'è una visione nuova e diversa che posso presentare al mondo
è proprio la mia visione
il mio essere me stessa
unica
coraggiosa
passionale
intuitiva e libera nel permettermi di Essere e di Osare.
Iniziando questo mio lavoro sui bio_detersivi mai mi sarei immaginata di arrivare quaggiù
in questi modi e in questi termini.
Pure è stata proprio la terra a chiamarmi.
Quando scrissi " la terra è sterile, dobbiamo preparare il terreno"
sentivo nel profondo di me che questo era il punto di partenza
e di arrivo
Dovevo, prima di tutto
riconnettermi con la terra
e curare la terra
FARE QUALCOSA PER LA TERRA

Ri_trovare me stessa nella terra.
Seguendo le tracce del comune modo d'essere
l'uso e l'abuso dei detersivi chimici,
si sono ben presto svelati ai miei occhi e
alla mia anima sentieri conosciuti di mondi sommersi
archetipi
potenti e pregnanti.
Ho presto sentito come la terra, la madre terra perduta e avvelenata
fosse lo specchio della donna selvaggia perduta, e avvelenata
come l'una rispecchia l'altra
e me stessa e le altre tutte .
Se è possibile - e necessario -
recuperare l' istintualità e la capacità visionaria perdute nel corso del tempo...
...bisogna che qualcuna cominci a farlo
per se stessa
e che mostri la via alle altre
e se tutto questo avrà da essere un delirio mai compreso e mai accettato
ebbene sia
Così sia
"Non vi sono più porte,
non vi sono più giudizi nè bisogni di accettazione, che mi terranno lontana dal cercare,
dal bisogno di trovare ciò che cerco,
dal coraggio di seguire strade e sentieri nuovi,
dalla paura di affrontare ciò che temo,
dalla certezza che nessuno potrà mai andare dove io sono chiamata ad andare,
nessuno potrà mai dire ciò che io sono chiamata a dire,
nessuno potrà mai essere ciò che io sono chiamata ad Essere
Infinitamente, Coraggiosamente Me Stessa "

Andare incontro al mio essere femmina,
ritrovare la strada delle radici perdute,
da sempre, da tempo più lungo del tempo
ha per me significato trovare il coraggio di incontrare il femminile dai sensi ingabbiati
che ha ceduto al baratto, al ricatto.
Sempre , per ritrovare il senso profondo del femminile,
bisogna accettare di entrare nella femmina perduta
La Femmina che ha perso il suo senso istintivo, e con esso la via. 

Ella brancola nel buio,
spesso non ha nessuna voglia di aprire gli occhi alla luce ....

Ma
come dice Clarissa Pinkola Estès :

" prima o dopo tutte dobbiamo baciare la strega ... "

*Credo di aver scelto di fare questo lavoro da sola, decidendo io
come gestirlo nella sua completezza, per potere abbandonarmi a immaginare,
seguire, sviluppare il progetto così come mi viene,in un modo forse pazzo, forse assurdo,forse lungo quando dovrebbe essere corto, o corto quando dovrebbe essere lungo...
in un modo spudoratamente libero e scevro da ansie di prestazione
Ho scelto di potere essere me, senza limiti, senza pudori senza modelli imposti da nessuno, nemmeno da me stessa
......

Sento che studiare e lavorare le informazioni specifiche sull' utilizzo, il costo e la reperibilità dei bio_detersivi, sarà la seconda o l'ultima parte del mio lavoro.

La necessità reale che avverto, più ancora del chiarire a me stessa e forse ad altri
le dinamiche della bio_detersione, è quella di reperire un nuovo modello di riferimento che sostenga e inviti questo cambiamento, un modello che manca alla base, manca a me, manca a tanti.
Vedo chiaramente come un cambiamento così consapevole e all'apparenza faticoso,
possa realizzarsi e mantenersi nel tempo solo se avviene alla radice,
alla radice della consapevolezza.
...

.....vedo un albero, con radici che affondano nella terra
un tronco che si eleva verso l'alto
e rami con foglie che s'aprono nel cielo

I rami con le foglie sono le mille possibili informazioni e il modo di mettere a frutto la bio_detersione li vedo lassù come una cosa vasta e confusa per altro già strutturata e collaudata ma non so come raggiungerle e integrarle non so come farle diventare estensione di me e della mia vita quotidiana.
Che non rimangano aria_parole
ma divengano terra_fatti

Non andrò ora lassù a cercare di capire qualcosa
sarebbero mille nozioni campate per aria, senza sostegno, senza radici
Andrò ora a discendere nella terra,
quella terra che provo a scegliere di preservare dai miei rifiuti tossici
quella terra che è la mia terra e la terra di tutti
...

Cercherò dentro là le radici antiche e profonde di un rinnovato senso di rispetto, di gratitudine e di cura per la Terra.
Solo dopo averle trovate mi eleverò verso l'alto
...

Sento che senza questo, senza la discesa nelle radici e in me stessa
nulla di ciò che potrò scoprire o pensare lassù sui rami
potrà mai sostenersi e radicarsi davvero
in profondità e fecondità
...

Non ho fretta
ho grandi speranze, grandi sogni, grande fiducia ...
Posso Provare.
...