Impariamo a guardare a ricercare,
a mettere in dubbio i luoghi comuni,
le abitudini radicate.
A chiederci cosa c'è dietro
a scegliere con consapevolezza.
Impariamo ad agire

Non fa tanto "strafiga-del-terzo-millennio" occuparsi di detersivi

Se esiste qualcuno dotato di Santa Pazienza che mi ha letto fin qua, sappia che l'ora del thè è l'ora in cui la Elle ovvero io, si occupa di sedersi a tavola con le sue amiche e abbandonarsi ai deliri in caduta libera. L'ora del thè è necessaria per scaricare dal cervellino sovraffollato di idee e intuizioni, tutto quanto tende lì dentro a chiacchierare disordinatamente.
Insomma, mi serve a fare un po’ d'ordine ... Ragion per cui niente di ciò che scriverò in questa pagina sarà mediato dalla razionalità dello scrittore che intende tirare seco il lettore. Qua dentro scribacchio delirando tra me e me.... chi si sente si lanci nel vuoto con me, senza paracadute naturalmente ...

......... questa avventura è cominciata da meno di una settimana:avuta l' idea di occuparmi di questa ricerca, mi sono occupata di fare partire questo laboratorio a voce singola e contemporaneamente il laboratorio di raccolta dati e commenti nell'area del forum aperta a tutti. Fatto questo ho cominciato a scrivere queste pagine di "preparazione terreno", contemporaneamente comincio a chiedere e a ricercare nell'altro topic materiali per la fase successiva. Sto raccogliendo informazioni sui bio_detersivi e il contesto ad essi correlati. Mi aspettavo di venire inondata di informazioni lunghe come la fame: tonnellate di link correlati a siti da spulciare, documenti su documenti di ogni genere da passare al vaglio in serate infinite e disperate. Sono arrivate informazioni sui bio_detersivi, intese come prezzi e quantità, e poche altre cose di questo genere. Altre ne arriveranno. Ma non m'è capitato sotto gli occhi nulla di quello che mi serve per preparare il terreno : informazioni dettagliate sul perchè di quella scelta, qualcosa di diverso e più completo del "costa 8 e rende per 16".

Ieri sera allora ho cercato nel sito di Alcatraz la sezione detersivi_bio, per vedere come l'hanno impostata: Commercio etico.it vende degli ottimi detersivi bio_degradabili, e un sistema di lavaggio per lavatrice e lavastoviglie corredato da un magnete che ottimizza la resa. Mi sono appuntata di verificare costi e sistemi di lavaggio, ma dentro lì non ho trovato altre informazioni che quelle oggettive di costi, resa, e efficacia del magnete. Punto.
Viceversa sempre su commercio etico sono spiegate in modo esauriente le seguenti teconologie :

Sono rimasta stupita un'altra volta. In effetti mi sono ricordata che quando entrai in città segreta, la prima cosa che cercai nel forum furono notizie articolate e chiare sulla biodetersione e tutto quanto ci sta prima e intorno. Non le trovai nemmeno quella volta. Non come le ricerco io, comunque. Va bene mi dico, basta internet. Vaglio il materiale cartaceo che ho : fascicolo di Marco_esco "tu guadagni , risparmia l'ambiente!" Ho scorso il fascicolo più volte in questi mesi e so che per ogni argomento trattato ci sono tantissime informazioni e URL di riferimento.
"Certamente troverò qualcosa da cui partire " mi dico.
Scorro gli argomenti e mi trovo la stessa pagina dei detersivi biologici
che avevo trovato in commercio etico .it. " MA COME????? " in sostanza non trovo le notizie che cerco. Non trovo qualcosa di diverso da : prezzi, modalità, resa. A casa mi rimangono tre libri di eco_coscienza da consultare, sono i seguenti

Bòn... ho appena spulciato il libro di Jacopo, e verificato la stessa cosa di cui sopra:
tanto quanto eco_teconologie di altro genere sono studiate e vagliate e comparate e specificate, nel caso dei bio_detersivi trovo la solita paginetta piuttosto generica. L' unica cosa più specificata e studiata in genere, è relativa ai marchingegni vari per decalcificare l'acqua della lavatrice.

PERCHE’ ???? mi sono chiesta. Eh si che se v'è una cosa certa, è che ogni santissimo giorno creato, ovunque noi siamo, migliaia di casalinghe e non attaccano lavatrici a gogo...
vi sono milioni di lavatrici che funzionano ogni secondo e che scaricano ogni secondo veleni nell'ambiente.... Possibile, mi son chiesta, che questo problema non abbia ricevuto la stessa attenzione degli altri??? EBBENE UNA COSA M'è PARSA EVIDENTE...

LAVAGGI :
SISTEMI DI DECALCIFICAZIONE = STUDI E TECNOLOGIE DI PREVALENTE PERTINENZA MASCHILE
SISTEMI DI LAVAGGIO, BIO_DETERSIVI = STUDI E SISTEMI DI PREVALENTE PERTINENZA FEMMINILE

Attenzione .... il salto è quantico: non intendo dire che i maschi si occupano solo delle cose che ritengono degne di attenzione... intendo dire che se le tecnologie di pertinenza maschile sono state studiate e sperimentate e vengono proposte e incrementate.
Le tecnologie di pertinenza femminile non sono state prese in carico da chi le usa : prevalentemente LE DONNE.
........

Intendo dire che : tanto quanto in giro vi sono Jacopo, Marco Boschini, Pallante, Gesualdi e chi altro, a farsi un lavoro inimmaginabile per diffondere strumenti che conoscono e studiano, al contrario non vedo o non ho ancora trovato all'intorno nessuna donna che si OCCUPA di informare sull' uso dei detersivi ... Di fare ricerca e utilizzo dei bio_detersivi. Non dico che lo debba fare una donna per forza, dico solo, per esempio, che apprezzo molto che Jacopo e Marco studino e lavorino per cose di cui io non capisco nulla, come apprezzo molto che mio marito si occupi di informarsi e rendere attive in casa nostra tutte queste tecnologie di cui non capisco nulla e che non mi sento di studiare . E' chiaro che taluni strumenti e argomenti sono per lo più di pertinenza maschile, sono a loro più facili e connaturati. Questi argomenti sono giustappunto tutti quelli che si leggono nei libri sopra citati.

L' organizzazione di grandi sistemi sociali, l'andare per il mondo a pubblicizzarli, gli studi prospettici, e tutto quanto stà in quei libri, esprimono l'aspetto yang_maschile dell' eco_coscienza. Che li attui una donna o un uomo sono comunque aspetti yang_maschili. Lo stare a casa a fare le lavatrici, raccogliere dati sulla gestione economica delle spese di casa, le differenze di costo e di uso dei detersivi, i modi di lavare, di ammorbidire, comparare prezzi e metodi di lavaggio, metodi per smacchiare, e tutto quanto il resto, sono aspetti yin_femminili. Che li attui un uomo o una donna, sono comunque aspetti yin_femminili.
Per quanto riguarda i bio_lavaggi in lavatrice, troviamo due settori:

Il primo settore è di pertinenza maschile.
Il secondo settore è di pertinenza femminile.

Oserei affermare che le donne, e il loro contributo, sono sparite. Le donne non si occupano di riscattare l'ambiente attraverso lo strumento che inquina di più e che usano di più : i lavaggi e i detersivi. E in ogni momento, ovunque voi siate mentre leggete, e ovunque io sia mentre scrivo, possiamo ascoltare il suono delle migliaia di centrifughe che girano all'intorno ....
RIUSCITE A SENTIRE IL SUONO DELLE MIGLIAIA DI LAVATRICI CHE FUNZIONANO IN OGNI MOMENTO???
quanto veleno stanno scaricando nell'ambiente mentre tutti facciamo finta di nulla ?
Lo so che niente pare più dolce e quieto e soave dell' immaginario della casalinga che stende il bucato... ma se apriamo un attimo gli occhi forse ci rendiamo conto che stiamo TRASCURANDO un settore che tanto gentile e soave non è e soprattutto ... E' DOVUNQUE!!!!!!!
Alla base di questa sparizione oserei pensare che ci sia il pensiero che non fa tanto strafiga proporsi come casalinga che centellina i soldi dei detersivi e i detersivi stessi, tanto meno fa strafiga una donna che lava di più a mano e meno a macchina, non parliamo del farsi il sapone a casa da sè .... Naturalmente fa strafiga assai battersi per la politica, per le foche massacrate dall'altra parte del mondo, per l' industria chimica che inquina a 600 chilometri da casa, e per qualunque altra buona causa che ci porti molto lontane da casa :
YANG_MASCHILI per l'appunto .....

HO FINITO E SONO SERIAMENTE PRESA DA QUESTO PENSIERO
FATEMI SAPERE LETTORI SILENZIOSI .....

continua